Cerca con: La Regione dalla A alla Z

Home » Politica di coesione e programmazione 2014/2020 » Cooperazione territoriale europea » Novità » Ultime novità sui controlli di primo livello

Ultime novità sui controlli di primo livello

Aggiornamenti sul funzionamento dei controlli di primo livello a seguito dell’accordo raggiunto in Conferenza Stato-Regioni

Il 29 ottobre 2009 la Conferenza Stato-Regioni ha sancito l’accordo sul sistema nazionale di gestione e controllo per i Programmi di Cooperazione territoriale europea transnazionale e interregionale.

L’organizzazione del sistema di controllo di primo livello è ancora “in fieri”. In estrema sintesi prevede che i beneficiari aventi natura giuridica di Ente pubblico possano demandare l’attività di controllo ad apposite strutture interne agli Enti stessi per le quali sia assicurata la separazione funzionale con gli uffici responsabili della realizzazione del progetto. In alternativa a tutti i beneficiari è consentito affidare le attività di verifica a soggetti particolarmente qualificati, in possesso dei necessari requisiti di professionalità, onorabilità ed indipendenza iscritti da almeno un triennio all’Albo dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili o, in alternativa, al Registro dei Revisori Contabili di cui al Decreto Legislativo 27 Gennaio 1992 n. 88

Il testo approvato stabilisce inoltre che venga istituita, con decreto del Ministero dello Sviluppo economico, una Commissione mista Stato/Regioni e Province autonome che avrà –fra l’altro- i compiti di:

  • Trattare le questioni di carattere orizzontale riguardanti il funzionamento e la qualità del sistema (approvazione e successive indicazioni di aggiornamento di manualistica, modulistica e procedure necessarie al funzionamento del sistema, comprese le modalità attuative dell’attività dei controlli, coerentemente con quanto previsto dai programmi, risoluzione di problematiche per casi specifici);
  • Verificare la corrispondenza tra quanto dichiarato dal controllore ed i requisiti richiesti in capo al controllore scelto dal beneficiario ed esprimere il proprio assenso/diniego per l’attribuzione del relativo incarico, procedendo alle necessarie verifiche anche nel caso di Enti pubblici che intendano avvalersi di strutture interne.

Tale Commissione sarà composta da:

  • un rappresentante dell’Unità di verifica degli investimenti pubblici (UVER) del Ministero dello Sviluppo economico (MISE) in qualità di Presidente;
  • un rappresentante del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica del MISE;
  • un rappresentante dell’Ispettorato Generale per i rapporti finanziari con l’Unione europea (IGRUE) del Ministero dell’Economia e delle Finanze;
  • un rappresentante per ciascuno dei Programmi di Cooperazione transnazionale e interregionale nominato dalla Regione Presidente Comitato nazionale di ogni Programma.

Renderemo disponibili –appena ufficiali- ulteriori informazioni e documenti.

2 nov 2009 Commenti chiusi | Novità

Commenti chiusi.

Cooperazione Territoriale Europea

Unione Europea - Governo Italiano - Regione del Veneto