Cerca con: La Regione dalla A alla Z

Ricerca

PROGETTI STRATEGICI: APPROVAZIONE DEI TEMI

Approvazione, in sede di Comitato di Sorveglianza dei dieci temi dei progetti strategici che saranno oggetto di un bando.

Si comunica che è stato pubblicato, sul sito internet del Programma Interreg V A Italia Slovenia 2014-2020, il verbale sintetico della riunione del Comitato di sorveglianza tenutasi a Trieste il 22 e 23 febbraio.  S’informa che i membri del Comitato di sorveglianza hanno approvato i 10 temi per i progetti strategici che saranno oggetto di un bando che si aprirà indicativamente nel prossimo autunno. A questo link l testo del verbale con i dieci temi: 3rdMCmeeting_Short-Minutes_IT .

I temi riguardano:

  1. Costruzione di una rete internazionale di “open lab” promuovendo tra le piccole e medie imprese-PMI l’innovazione basata sulle nanotecnologie.
  2. Sviluppo di eco-sistemi di innovazione e catene di valore, stabilendo collegamenti tra le scienze, la cultura, l’arte, gli abitanti e l’economia, applicando l’innovazione creativa, aperta e collaborativa, includendo azioni pilota mediante prodotti e servizi innovativi.
  3. Stabilire un supporto concreto per accelerare la riduzione delle emissioni di carbonio o di gas serra, rafforzando le capacità di adattamento agli inevitabili impatti dei cambiamenti climatici,  aumentando l’efficienza energetica di tutti i  territori dell’area di cooperazione transfrontaliera, basato sulla metodologia utilizzata per il passaggio del PAES al PAESC.
  4. Miglioramento della capacità di pianificazione della mobilità integrata e dei servizi con l’obiettivo di implementare mezzi pubblici transfrontalieri a basso uso di carbone e l’intermodalità, tenendo conto di tutte le modalità di trasporto nell’intera area di programma.
  5. Turismo d’eccellenza.
  6. Promozione e valorizzazione del patrimonio della Prima Guerra Mondiale anche in termini di turismo sostenibile e consapevole.
  7. Introduzione di approcci innovativi sviluppati dalle minoranze nazionali e linguistiche e dagli enti pubblici, per la promozione del multiculturalismo e del multilinguismo.
  8. Sviluppo e attuazione della cooperazione transfrontaliera integrata, potenzialità armonizzate a livello nazionale, regionale e locale per le diverse forme di infrastrutture verdi e attività di “green economy”.
  9. Sviluppo e implementazione di misure di protezione contro le inondazioni, integrate e congiunte, non strutturali e strutturali, nel contesto della Direttiva sulle alluvioni 2007/60/CE.
  10. Rafforzamento della cooperazione transfrontaliera nel campo delle emergenze di protezione civile.

Si ricorda quanto previsto dal Programma per tale tipologia di progetti.

Progetti strategici: caratterizzati da una maggiore rilevanza in termini di attuazione delle strategie dell’Unione europea e del Programma e di concentrazione degli sforzi per una maggiore coesione della nuova area ammissibile. Attraverso la concentrazione di significative risorse su specifiche tematiche, i progetti strategici contribuiscono a produrre risultati positivi e di lungo periodo nell’intera area del Programma, potenziando le opportunità di cooperazione e incoraggiando sperimentazioni e attuazioni congiunte. Questi progetti richiedono maggiori e specifiche competenze istituzionali e tecniche al fine di garantire un impatto più profondo e benefici per l’intera area di cooperazione.

Sarà realizzato un numero limitato di progetti strategici secondo le logiche dell’approccio top- down sugli Assi prioritari 1, 2, 3 e 4 per un importo complessivo stanziato di 27.000.000 Euro (FESR). Ogni progetto avrà una dotazione finanziaria (FESR) che varierà da 1,5 a 4 milioni di Euro. con la seguente ripartizione:

–      Priorità 1 (OT 1, PI 1b): 6 M€ per 2 progetti;

–      Priorità 2 (OT 4, PI 4e): 6 M€ per 2 progetti;

–      Priorità 3 (OT 6, PI 6c): 7,5 M€ per 3 progetti;

–      Priorità 3 (OT 6, PI 6d): 2,5 M€ per 1 progetto;

–      Priorità 3 (OT 6, PI 6f): 2,5 M€ per 1 progetto;

–      Priorità 4 (OT 11): 2,5 M€ per 1 progetto incentrato sulla protezione civile.

I progetti strategici saranno fondati sul principio di parità di partnership, ovvero sul fatto che ogni progetto deve avere un partenariato bilanciato che comprenda almeno due partner italiani (uno della Regione Friuli Venezia Giulia e uno della Regione del Veneto) e due sloveni.

3 Apr 2017 Commenti chiusi | NEWS

Commenti chiusi.

Italia-Slovenia

Unione Europea - Governo Italiano - Regione del Veneto