Cerca con: La Regione dalla A alla Z

Ricerca

Programma Interreg V A Italia Slovenia 2014-2020 – Apertura bando mirato per progetti strategici n. 05/2018

Oggi, 07 febbraio, alle ore 15:00, è stato pubblicato nel sito ufficiale del Programma il bando mirato per progetti strategici n. 05/2018. Il bando rimarrà aperto fino al 28 marzo 2018 alle ore 15:00:59 (CET). Il 19 febbraio prossimo verrà organizzato a Trieste un Infoday relativo  al bando. Si raccomanda di consultare frequentemente il sito  ufficiale del Programma, dove saranno […]

Oggi, 07 febbraio, alle ore 15:00, è stato pubblicato nel sito ufficiale del Programma il bando mirato per progetti strategici n. 05/2018. Il bando rimarrà aperto fino al 28 marzo 2018 alle ore 15:00:59 (CET).

Il 19 febbraio prossimo verrà organizzato a Trieste un Infoday relativo  al bando.

Si raccomanda di consultare frequentemente il sito  ufficiale del Programma, dove saranno pubblicate tempestivamente le eventuali modifiche al periodo di apertura del bando o al testo dello stesso e dei relativi allegati.

Il bando prevede il finanziamento di 10 progetti, che in ottemperanza all’approccio top down previsto nel Programma per questa tipologia di progetti, dovranno essere sviluppati nel quadro dei temi strategici approvati dal Comitato di Sorveglianza nel febbraio 2017. Il bando ha una dotazione finanziaria totale pari a € 27.000.000,00 di fondi FESR (la dimensione finanziaria minima per ciascun progetto è di € 1.500.000,00 di fondi FESR).

Il contributo FESR può essere al massimo pari all’ 85% del costo del progetto, il restante 15% deve essere cofinanziato mediante risorse proprie del proponente o – per i proponenti italiani aventi natura giuridica pubblica – mediante il Fondo di Rotazione nazionale.

Temi strategici e contributo massimo FESR per progetto

Asse prioritario/

Priorità d’investimento/

Obiettivo specifico

del Programma

Titolo del tema strategico Importo massimo del contributo FESR Tema strategico
1/1b/1.1 NANOTECNOLOGIE € 3.000.000,00 Sviluppo di una rete internazionale di centri di ricerca che favorisca l’innovazione basata sulle nanotecnologie tra le PMI. Il tema strategico vuole promuovere una rete tra i migliori centri di ricerca dell’area orientati alle nanotecnologie fornendo servizi di alta specializzazione alle PMI al fine di potenziare l’innovazione industriale orientata alla ricerca e il trasferimento tecnologico. La nanotecnologia ha molte applicazioni coerenti con i settori prioritari delle strategie intelligenti – smart strategies S3 (in settori come salute intelligente, produzione manifatturiera intelligente, ecc.). La prevista collaborazione transfrontaliera inoltre favorirà e promuoverà lo scambio di competenze tecniche e partenariati pubblico-privati nonché la realizzazione di prototipi (proof of concepts – PoC).
INDUSTRIE CREATIVE € 3.000.000,00 Sviluppo di eco-sistemi di innovazione e catene di valore, di collegamento tra le scienze, la cultura, l’arte, gli abitanti e l’economia, e che applichino l’innovazione creativa, aperta e collaborativa, e prevedano dimostrazioni pilota attraverso prodotti e servizi innovativi. Il tema strategico permetterà una rete transfrontaliera tra eco-sistemi innovativi al fine di promuovere le attività creative e l’innovazione aperta, con particolare attenzione all’uso delle nuove tecnologie coerenti con le Strategie di ricerca e Innovazione per le Specializzazioni Intelligenti – RIS3 ed applicate (anche in modo non convenzionale) a una serie di settori (edifici intelligenti, gestione della conoscenza). L’interazione tra gli operatori creativi, gli enti pubblici e le aziende (PMI e start-up) permetterà lo scambio di esperienze, concetti e approcci, per sviluppare prodotti e servizi innovativi, per promuovere catene di valore creative e per sostenere le start-up che offrono a progetti pilota strutture di supporto all’incubazione e all’accelerazione.
2/4e/2.1 PAESC € 2.500.000,00 Creazione di un concreto supporto al fine di accelerare la riduzione delle emissioni di carbonio o di gas ad effetto serra, di rafforzare le capacità di adattamento agli inevitabili impatti dei cambiamenti climatici ed aumentare l’efficienza energetica dell’intera area transfrontaliera, basato sulla metodologia utilizzata per la transizione dal PAES (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) al PAESC (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima).
MOBILITÀ E INTERMODALITÀ € 3.500.000,00 Miglioramento della capacità di pianificazione in materia di mobilità integrata al fine di prevedere collegamenti transfrontalieri pubblici a basse emissioni di carbonio e intermodalità, in considerazione di tutte le modalità di trasporto in tutta l’area programma.
3/6c/3.1 ECCELLENZA NEL TURISMO € 2.600.000,00 “ECCELLENZA NEL TURISMO” mira a creare un modello di gestione innovativo per sostenere lo sviluppo di una destinazione turistica transfrontaliera attraverso prodotti turistici transfrontalieri integrati (ITP), sulla base di un patrimonio culturale e naturale rivitalizzato, oltre a costruire le infrastrutture mancanti, che consentirà una sua gestione (circolare) integrata e sostenibile nonché favorirà esperienze all’aperto dando particolare rilievo alla costituzione  di una rete transfrontaliera di castelli, giardini storici, ville e vigneti, e con riguardo alla valorizzazione della diversità di paesaggi che caratterizza l’area programma. Attraverso l’enogastronomia, questo tema strategico promuove i prodotti tipici, ed enogastronomici e la tradizione locale. Attraverso varie attività all’aria aperta promuove esperienze del variegato patrimonio naturale. Gli interventi dovranno testare sulle micro destinazioni transfrontaliere i concetti di pianificazione sostenibile e l’uso intelligente di modelli esistenti di infrastrutture turistiche.
PRIMA GUERRA MONDIALE € 2.500.000,00 Promozione e valorizzazione del patrimonio della prima guerra mondiale anche in termini di turismo sostenibile e consapevole. In particolare, incremento del potenziale attrattivo di siti e monumenti di grande significato storico e simbolico, anche attraverso investimenti su piccola scala e l’utilizzo di strumenti di comunicazione innovativi e la cinematografia. Le azioni progettuali dovranno tenere in considerazione le iniziative promosse dai partner del programma, quali la memoria del centenario della prima guerra mondiale e le sue implicazioni e l’inserimento de “Il Sentiero della pace dalle Alpi all’Adriatico – Patrimonio della prima guerra mondiale” nella Lista UNESCO dei siti patrimonio dell’umanità.
MINORANZE E MULTICULTURALITÀ € 2.400.000,00 Introduzione di approcci innovativi sviluppati dalle minoranze nazionali e linguistiche e da enti pubblici, per la promozione del multiculturalismo e del multilinguismo con particolare riguardo alle giovani generazioni, allo scambio di buone pratiche al fine di sviluppare attività multiculturali, con l’obiettivo di incrementare l’attrattiva turistica e culturale del territorio.
3/6d/3.2 NATURA 2000 E INFRASTRUTTURE VERDI € 2.500.000,00 Sviluppo integrato e attuazione di potenziali integrati a livello transfrontaliero, nazionale, regionale e locale per le diverse forme di infrastrutture verdi e le attività di green economy nel campo della gestione delle acque interne e marine, dell’ecologia, della tutela ambientale, del turismo verde e di altri settori correlati (zone di ritenzione naturale, corridoi fluviali verdi, …) al fine di migliorare gli ecosistemi acquatici e Natura 2000 e contribuire allo sviluppo sostenibile (in particolare turistico) di tutta l’area programma.
3/6f/3.3 DIRETTIVA ALLUVIONI € 2.500.000,00 Sviluppo e attuazione di misure integrate congiunte strutturali e non strutturali di protezione contro le alluvioni nel contesto della Direttiva Alluvioni 2007/60 / CE prevedendo le seguenti attività principali: elaborazione di modelli comuni, di mappe e strumenti, documentazione associata, investimenti pilota su scala ridotta e attrezzature, aggiornamento del sistema di previsione delle alluvioni, attività di sensibilizzazione tramite utilizzo di tecnologie innovative.
4/11CTE/4.1 PROTEZIONE CIVILE € 2.500.000,00 Rafforzamento della cooperazione nel campo delle emergenze di protezione civile, concentrandosi sul coordinamento delle misure di prevenzione, preparazione e reazione alle emergenze naturali, escluse quelle marine, lo sviluppo di sistemi di supporto congiunto, l’aggiornamento di strumenti e misure comuni per l’individuazione precoce dei rischi naturali, investimenti in attrezzature e impianti per corsi di formazione congiunti su diversi livelli.

TOTALE

€ 27.000.000,00

Per quanto riguarda il partenariato è importante evidenziare che:

  • la dimensione raccomandata è dai 4 ai 10 partner progettuali. La proposta di partenariati più ampi è un’eccezione che va debitamente motivata;
  • in ottemperanza al principio di “equal partnership” il partenariato ogni progetto deve avere, come requisito minimo obbligatorio, almeno due partner progettuali italiani (uno dal Friuli Venezia Giulia e uno dal Veneto) e almeno due sloveni (uno dalla Zahodna Slovenija e uno dalla Vzhodna Slovenija).  Per rispettare il suddetto principio, e in particolare, ai fini della determinazione delle dimensioni minime e massime del partenariato, non vanno calcolati: i partner con competenza sovraregionale, nazionale o sovranazionale aventi sede legale, succursali o unità operative locali (es. agenzie locali UNESCO, ministeri ecc.) nell’area del Programma, i partner localizzati fuori dell’area del Programma e i partner “associati”;
  • Il contributo FESR minimo per ciascun partner non deve essere inferiore a € 100.000,00;
  • Possono essere coinvolti nel partenariato del progetto partner localizzati fuori dell’area del Programma: purché abbiano la sede legale o filiali comunque situata nel territorio del Veneto, del Friuli Venezia Giulia, della Zahodna Slovenija o della Vzhodna Slovenija (regioni statistiche di livello NUTS 2). Attenzione: tali partner, per poter essere considerati ammissibili, devono soddisfare tutti i requisiti previsti dal bando e dai suoi allegati, in particolare quelli inseriti nel Manuale sull’ammissibilità delle spese e devono compilare l’allegato X  “Autodichiarazione per PP proveniente da fuori area Programma”.

La procedura di presentazione delle proposte progettuali (domanda online) sarà esclusivamente in modalità elettronica ed opererà sulla base del sistema Front End Generalizzato 2 – FEG2 predisposto dalla Società Insiel (in-house della Regione autonoma Friuli – Venezia Giulia), previo ottenimento di login e password attraverso il sistema Login FVG. La presentazione delle proposte progettuali sarà a cura esclusiva del Lead Partner (LP). Si ricorda che l’utente che richiede l’accesso al login deve corrispondere al legale rappresentante dell’ente.

Si riporta di seguito il link per accedere al sistema Login FVG:

Avvertenza: è consigliato ai LP di procedere alla registrazione al sistema online al più presto e comunque almeno 15 giorni prima della scadenza del bando, al fine di evitare eventuali problemi per malfunzionamenti tecnici.

  • Per le proposte progettuali contraddistinte dallo stesso acronimo e presentate dallo stesso Lead partner più di una volta, sia nell’ambito del bando sia all’interno della stessa PI, verrà valutato solo l’ultimo invio;
  • si troveranno dei work package – WP già preimpostati, caricati direttamente nel sistema, come singoli WP non replicabili. I WP preimpostati sono i seguenti:
    • WP0 – Fase preparatoria del progetto
    • WP1 – Gestione del progetto
    • WP2 – Attività di comunicazione
    • WP 3 Implementazione può essere replicato fino ad un massimo di 3 WP di tipo implementazione e deve essere impostato dal LP sia a livello di titolo, sia a livello di numeri, fino ad un massimo di 3.
    • WP4 – Investimenti;
  • la struttura della domanda online è organizzata secondo due parti principali:
    • Sistema on line: le sezioni A, B e C devono essere compilate direttamente tramite il sistema online;
    • Allegati: l’allegato A e l’Allegato B sono parte integrante della domanda on line. L’allegato A si scarica, compila e carica nuovamente nella sezione allegati della Parte A on line; l’allegato B si scarica, compila e carica nuovamente nella sezione allegati della Parte B di ciascun partner progettuale interessato da Aiuti di Stato;

Si raccomanda ai proponenti, al fine del corretta redazione della proposta progettuale,  di leggere con attenzione il documento Linee guida per la domanda online, a disposizione tra gli allegati al Bando.

Per informazioni e assistenza sulla domanda on line è possibile contattare il Segretariato Congiunto del Programma i cui contatti sono disponibili a questo link , mentre i referenti del Programma Interreg V A Italia-Slovenia 2014-2020 presso la Regione del Veneto – Direzione Programmazione Unitaria – U.O. Cooperazione territoriale e macrostrategie europee sono:  Fabiola Facci (fabiola.facci@regione.veneto.it  – tel: +39 041 279 1589) e Roberta Santin (roberta.santin@regione.veneto.it  – tel: +39 041 2791585).

7 Feb 2018 Commenti chiusi | Bandi, Eventi, NEWS

Commenti chiusi.

Italia-Slovenia

Unione Europea - Governo Italiano - Regione del Veneto