Cerca con: La Regione dalla A alla Z

Ricerca

Sintesi dell’Annual Report 2014 – relazione sullo stato di avanzamento del Programma IPA Adriatico

Relazione annuale relativa all’anno 2014 che ogni anno viene inviata entro il 30 giugno alla Commissione Europea

L’Autorità di Gestione del Programma IPA Adriatico ha provveduto ad inviare alla Commissione Europea il “2014 Annual Implemetation Report”, in accordo all’art.112 del Regolamento (CE) n. 718/2007 della Commissione del 12 giugno 2007 cha attua il regolamento (CE) n. 1085/2006 del Consiglio, che istituisce uno strumento di assistenza preadesione (IPA). L’articolo 112, infatti, afferma che “Al più tardi entro il 30 giugno di ogni anno, l’autorità di gestione trasmette alla Commissione una relazione annuale sull’attuazione del programma transfrontaliero approvata dal comitato congiunto di controllo”.

La relazione comprende:

  • lo stato di avanzamento del Programma degli assi prioritari rispetto ai loro obiettivi specifici e verificabili;
  • l’attuazione finanziaria del Programma;
  • le misure adottate per assicurare la qualità e l’efficacia dell’attuazione;
  • le misure adottate per promuovere il Programma;
  • le informazioni sui problemi significativi.

Vediamo sotto ora come anche gli enti veneti, capofila o partner di progetti finanziati dal Programma IPA, abbiano contribuito durante lo scorso anno, sia quantitativamente che qualitativamente, ad accrescere il livello di output e risultati individuati dal Programma sin da prima del suo avvio, al fine di promuovere la cooperazione transfrontaliera nell’area adriatica.

Nell’ambito della Priorità 1Cooperazione economica, istituzionale e sociale, Unioncamere del Veneto,  partner del progetto SMARTINNO, ha contribuito alla creazione di un “Adriatic Business Angel Network” per facilitare e accelerare l’accesso a nuovi canali di finanziamento transfrontalieri da parte di PMI e giovani imprenditori. 60 Start-up dell’area adriatica sono state coinvolte in schemi di mentoring e coaching. Il Metadistretto veneto dei beni culturali e ambientali, partner del progetto Adria-Hub, ha partecipato alla realizzazione di due piattaforme denominate “Workforce” e “R&D Service” che hanno permesso a imprese e giovani laureati di venire in contatto, a seguito anche di attività comuni di formazione ed educazione. Relativamente al progetto LOVE YOUR HEART, i partner veneti, unici rappresentanti per l’Italia, la Scuola Centrale Formazione di Mestre, l’Azienda Unità Locale Socio-Sanitaria n. 14 di Chioggia, la Casa di cura Madonna della Salute S.r.l. di Porto Viro, hanno attivato una serie di iniziative transfrontaliere per la promozione delle malattie cardiovascolari, promosso buone prassi dei servizi di assistenza sanitaria-sociale e individuato network esistenti che si occupano di queste malattie.

Nell’ambito della Priorità 2 “Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi”, la Sezione Progetto Venezia della Regione del Veneto, partner del progetto SHAPE, ha rivisto la carta habitat della zona di Cavallino Treporti, sito Natura 2000, individuandone i biotipi litoranei e promuovendoli in una guida all’ambiente costiero (in lingua italiana, inglese e tedesco). I dati raccolti fanno, pertanto, parte della piattaforma GIS Atlas ADRIATICO, database integrato e transfrontaliero utile a chi prende parte ai processi decisionali e di pianificazione della aree costiere e marine. Ancora la Regione del Veneto – Sezione Caccia e Pesca – capofila del progetto ECOSEA, ha attivato 4 azioni specifiche volte alla gestione dell’acquacultura con lo scopo di accrescere la fauna ittica. Il CNR-ISMAR di Venezia e l’ISPRA di Chioggia, partner del progetto BALMAS, hanno svolto, come gli altri partner, analisi sull’ecosistema marino dell’Adriatico, ponendo particolare attenzione al livello di acque di sentina. Nell’ambito del progetto NETCET, il Comune di Venezia, capofila del progetto, ha realizzato al Lido di Venezia un centro di primo soccorso per tartarughe marine e il Comune stesso ha contribuito, insieme all’Università di Padova, a realizzare percorsi di formazione per i pescatori in tutta l’area transfrontaliera, che avevano come oggetto le procedure per ridurre la mortalità delle tartarughe marine. La Regione del Veneto – Sezione Geologia – ha contribuito nell’ambito del progetto LEGEND a lanciare una campagna transfrontaliera di investimento in energia geotermica con lo scopo di promuovere le tecnologie GCHP. In Veneto è stato valuto il potenziale dello scambio geotermico in relazione al territorio del Polesine e Delta del Po ed è stato realizzato un database degli impianti geotermici denominato “Piccoli usi locali”. Veneto Agricoltura, partner di ALTERENERGY, ha realizzato sul territorio, così come avvenuto in altre 59 aree, comunità di aziende venete con lo scopo di supportarle nella pianificazione di azioni integrate che si occupano di risparmio energetico e produzione di energia da fonti rinnovabili. Ancora la Regione del Veneto – Sezione Turismo – insieme all’Associazione Città Murate, all’interno del progetto ADRISTORICAL LANDS, ha promosso, grazie anche ad un team transfrontaliero denominato “Consorzio Promozione Turistica di Padova, Venezia Nativa, Associazione Città murate del Veneto” 6 differenti iniziative turistiche e due tour educativi che guardano al Medioevo.

Nell’ambito della Priorità 3 “Accessibilità e reti”, le Province di Padova e Venezia si sono mobilitate in 3 diversi progetti, ADRIMOB, ADRIATIC ROUTE e TISAR, nella promozione di strutture, impianti e servizi per favorire intermodalità dei passeggeri. La Provincia di Padova ha implementato una piattaforma ICT per combinare e migliorare le informazioni sulle soluzioni di trasporto pubblico multimodalee i collegamenti da offrire ai turisti, alle famiglie e ai cittadini (disponibile nelle lingue di tutti i Paesi IPA). In provincia di Venezia, in particolare, è stato realizzato un sito per consentire una consultazione via internet che fornisca informazioni relative ai corsi d’acqua navigabili nella provincia di Venezia, sugli ostacoli presenti (ponti, chiuse, ecc.), sulle modalità pratiche per superarli, sulle condizioni tecniche dei singoli segmenti d’acqua e che tenga altresì conto delle presenze naturalistiche, culturali, infrastrutturali

16 Lug 2015 Commenti chiusi | Ambiente, Cultura, Documenti, Presentazione programma, Progetti

Commenti chiusi.

IPA-Adriatico

Unione Europea - Governo Italiano - Regione del Veneto